“Molfetta terra di mafia”, l’allarme del Procuratore di Trani Renato Nitti al Rotary

Aggiornamento: nov 19


Il Procuratore Renato Nitti

«Molfetta è terra di mafia», a denunciare questa situazione è il capo della Procura di Trani dott. Renato Nitti, nel corso della tavola rotonda “Allarme sicurezza: aziende e territorio presidio di legalità” promossa dal Rotary Club di Molfetta e dall’Associazione imprenditori nell’Auditorium Madonna della Rosa, con la partecipazione del sindaco Tommaso Minervini e del vescovo mons. Domenico Cornacchia.


Soldani, Pisani, Nitti, de Sanctis, Preziosa e l'assistente del Governatore Fuiano

Una denuncia che proviene da fonte autorevole e informata e che non può essere ignorata dalla cittadinanza che – come ha aggiunto Nitti – deve prendere consapevolezza di questo fatto. A confermarlo sono i risultati conseguiti in tanti anni di indagini e di investigazioni condotte dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Bari, della quale lo stesso Nitti ha fatto parte.

A Molfetta, secondo la DIA (dati secondo semestre 2020), «si registra la presenza di gruppi criminali riconducibili agli alleati clan Capriati e Mercante-Diomede». Infatti, la cosa più inquietante è che si tratta «di una terra dove le affiliazioni vengono fatte, i clan vengono costituiti e i rapporti di potere vengono regolati con il pensiero mafioso. Nitti ha ricordato come nel marzo del 2016, al quartiere San Paolo di Bari, aveva ascoltato un collaboratore di giustizia, sino a quel momento affiliato con un grado di "quarta", «che proveniva da questo territorio». In pratica qui sono presenti propaggini dei clan baresi. A Molfetta «si stipula un contratto preciso: il rito di affiliazione è un negozio con il quale il soggetto che si affilia assume una quantità di obblighi e acquista una quantità di diritti e questo vale anche in questo territorio» dove sono presenti gruppi riconducibili al clan Capriati di Bari. «Ma non ci sono soltanto loro in questo territorio», ha precisato Nitti, che ha ricordato l'omicidio di Alfredo Fiore, avvenuto il 13 marzo 2014 fra le bancarelle del mercato settimanale di Molfetta, davanti ai suoi familiari: un omicidio con modalità mafiose, secondo il procuratore. Una persona in moto col volto coperto dal casco sparò due colpi di pistola, uno alla testa con l’intento di finire la vittima. La cosa più inquietante è che il killer agì senza la preoccupazione di essere riconosciuto e senza temere alcuna reazione: «il senso di un messaggio che voleva lanciare a chi lo doveva intendere, un messaggio di controllo del territorio». L’altro episodio è più recente del 30 settembre scorso quando sono stati sequestrati di 50 milioni di euro a Giuseppe Manganelli, che «non può farci ignorare che questa è terra di mafia». Manganelli, che ha scontato 12 anni di reclusione, e oggi è uomo libero, è accusato di aver occultato cospicue somme di danaro, con tutta probabilità provento delle attività di narcotraffico ed estorsive cui era dedito durante gli anni ’90.


Ma a questo scenario malavitoso, vanno aggiunti i fenomeni di corruzione: «Se c'è un pubblico funzionario che percepisce denaro con modalità occulte in relazione alla propria attività, questo è sufficiente per formarvi un vostro giudizio. I fenomeni che si sono ripetuti negli anni, conclamati addirittura con tecniche di corruzione che risalgono a numerosi anni addietro, ci dicono che il territorio non è ancora riuscito a riscattarsi da un problema che, evidentemente, finisce per colpire anche l'economia», ha avvertito il procuratore Nitti. Nell’introdurre la tavola rotonda, il presidente del Rotary Club di Molfetta, Felice de Sanctis, ha ricordato come da alcuni mesi a Molfetta si sia in presenza di un incremento dei fenomeni di criminalità (incendi di auto, bombe a cantieri edilizi, probabili estorsioni, qualche accoltellamento), ai quali si sono aggiunti presunti fenomeni di corruzione che hanno coinvolto le istituzioni e sui quali sta indagando la magistratura. Questo fa pensare a una città a rischio e determina l’allarme sicurezza. La capacità delle organizzazioni criminali di infiltrarsi nelle attività legali e nelle imprese in difficoltà, approfittando anche della pandemia da Covid, sono all’attenzione delle forze dell’ordine e della magistratura. Di qui l’iniziativa del Rotary Club di Molfetta e dell’Associazione degli imprenditori di sensibilizzare l’opinione pubblica e offrire un momento di riflessione e dibattito su questo fenomeno, ribadendo soprattutto il ruolo di presidio di legalità delle imprese locali.

Maddalena Pisani, presidente dell’Associazione imprenditori di Molfetta ha ricordato come l’associazione imprenditori «non è nata per fare marketing territoriale, non è nata per finalità economiche, e non è neanche nata per incrementare uno sviluppo industriale che non abbia delle solide fondamenta, tant’è vero che l’associazione si dichiara apartitica e disposta a collaborare nell’interesse di tutti gli associati, senza tagliare fuori i lavoratori”. L’associazione ha dimostrato, nel corso degli anni, di essere sempre presente per Molfetta, tutelando le aziende e avviando numerosi progetti per la città, dimostrando di avere a cuore il territorio e i suoi insediati. Quindi la presidente degli imprenditori ha sottolineato le finalità della tavola rotonda: «Perché noi siamo qui stasera? Per ribadire un concetto importante: l’Associazione Imprenditori è il presidio di legalità che sta cercando di evitare che soggetti terzi, che hanno interessi non identificabili con quelli tipicamente imprenditoriali ed economici, si insedino e approfittino dei momenti di debolezza economica e finanziaria dei nostri associati, per sostituirsi a noi. Noi ribadiamo stasera la nostra vicinanza alle istituzioni, nella legalità e nel rispetto delle regole e delle norme». Altro relatore importante della serata è stato il generale di squadra aerea Pasquale Preziosa, Presidente dell’Osservatorio Eurispes sulla Sicurezza, già Capo di Stato Maggiore dell’Aereonautica Militare Italiana, con una lunga esperienza internazionale. Preziosa si è soffermato sulla criminalità mafiosa (non solo italiana, ma giapponese, cinese, nigeriana ecc.), evidenziando quali siano i principali obiettivi della stessa: controllare la maggior parte delle istituzioni, che sono il cuore della società civile: le banche, i tribunali e i media. Ha menzionato e dedicato un applauso a chi, prima di tutti, ha dato la vita per impedire che questi obiettivi fossero raggiunti: «Parlare della criminalità è molto complesso, prima di farlo, bisogna ricordare che la direzione antimafia e antiterrorismo prese il via dalle indicazioni di Giovanni Falcone nel 1991. Falcone fu ucciso con altre tre persone il 23 maggio del ’92 per rappresaglia contro la lotta alla mafia. Chi combatte la mafia, è esposto alla rappresaglia della mafia, rischia ogni giorno la propria vita”. Infine l’intervento del dott. Antonello Soldani, presidente dell’Ordine dei dottori commercialisti di Trani, che ha voluto concentrare la sua attenzione sulla prossima apertura dello “Sportello dell’organismo di composizione della crisi” presso il Comune di Molfetta, che avrà il fine di ascoltare e indirizzare chi si trova in una situazione di difficoltà. Il Dott. Soldani si è anche soffermato sul tema dell’aiuto alle imprese: «Se si vuole aiutare il tessuto imprenditoriale sano, è necessario, quando si parla di appalti pubblici, intervenire in modo forte nel momento in cui vengono pubblicati dei bandi antieconomici. Stiamo proponendo, che a livello nazionale, ci sia una rivalutazione tecnica sulla sostenibilità economica». Il Procuratore Nitti ha detto che a Molfetta esiste «un tessuto imprenditoriale straordinariamente vivace, ma pure estremamente fragile». Il quadro, insomma, non è rassicurante, ma Molfetta è una terra che può ampiamente riscattarsi, è la terra da cui è partito il messaggio di don Tonino Bello. E questo riscatto deve venire dalla società, dai cittadini che devono essere consapevoli dei rischi che ci sono, ma fermi nel denunciare le illegalità e impedire infiltrazioni criminali. L’affermazione più forte del procuratore Nitti: “Molfetta è terra di mafia” deve farci riflettere, un avvertimento che la nostra città è in pericolo. Ma non tutto è perduto, la lotta alla mafia è ancora in corso ed è una battaglia alla quale devono prendere parte le grandi industrie e le associazioni, che però devono essere sostenute da ogni singolo cittadino affinché il cambiamento sia realmente possibile.





23 visualizzazioni0 commenti